Comune di Popoli (Pe)

Corradino D'Ascanio

Comune di Popoli

Via Decondre, 103
65026 Popoli (PE)
Tel. 085 98701 - Fax 085 9870534
e-mail info@comune.popoli.pe.it
PEC: segreteria.popoli@viapec.net

Bordo destro testata
Orologio  - Comune di Popoli (PE)
Centro storico - Comune di Popoli (PE)
Corradino D'Ascanio
Home » Canali » Da sapere per » Storia » Cittadini illustri » Corradino D'Ascanio
Freccia Scura

D'AscanioFangioCorradino D'Ascanio

Corradino D'Ascanio

Nasce a Popoli il 1° febbraio del 1891. A 17 anni costituisce e collauda personalmente il primo aliante, con esiti non troppo brillanti, si dice. Si laurea in ingegneria al Politecnico di Torino e subito dopo, nel 1914, si arruola volontario nel battaglione aviatori con l'incarico di sovrintendere al collaudo dei motori aerei. Sono queste prime esperienze giovanili, sostenute da una enorme volontà e da una ancor maggiore passione per tutto ciò che vola, a fare di Corradino D'Ascanio il pioniere italiano dell'elicottero. Come accade a tutti i pionieri, però, la sua preziosa opera di ricerca ingegneristica fu capita con enorme ritardo, e così il fascismo dovette fare a meno di uno strumento bellico che all'epoca avrebbe sorpreso tutti. L'esperienza negli Stati Uniti d'America, nel 1918, dove era stato inviato dalla ditta torinese Pomilio, lo entusiasma e gli regala nuovi stimoli per proseguire nel lavoro che lo appassiona. Lavora ancora con l'esercito sui motori dei caccia per poi occuparsi esclusivamente di elicotteri. Ne progetta uno: a Popoli lo costruisce e lo prova. Qualcosa però ancora non va. Nel 1927 su commissione del Ministero dell'Aeronautica Corradino D'Ascanio progetta il suo secondo elicottero, stavolta con motore FIAT. Il progetto viene finalmente approvato nel 1928 e dopo due anni il prototipo, affidato al collaudatore Nello Marinelli, che risulta così essere il primo pilota di elicotteri dell'aviazione italiana, vola. Gli esperimenti però non trovano grossi estimatori e così, per la cecità di qualcuno, il prototipo DAT 3 finisce dimenticato in qualche hangar. D'Ascanio viene assunto dalla Piaggio come specialista di eliche. Progetta un nuovo elicottero, un biposto, il PD 2 (siamo nel 1939), ma la guerra cancella tutti gli studi. Nel dopoguerra D'Ascanio crea, sempre per la Piaggio, la Vespa.
Nel 1948 torna all'elicottero: il PD 3 vola nel 1952 ma intanto D'Ascanio ha ricevuto dal Congresso mondiale di Filadelfia quei riconoscimenti che l'Italia gli ha negato. Negli anni Cinquanta passa alle dipendenze dell'Augusta, prima società privata a fabbricare elicotteri in Italia. Insegna alla normale di Pisa dove si spegne il 6 agosto del 1981. Incredibilmente il nome del geniale e tenace Corradino D'Ascanio resterà legato alla Vespa e non alla sua passione per il volo.

Le foto sono tratte dal sito: http://www.concapeligna.it/famosi/d'ascanio/corradino_d_ascanio.htm
(consultato in rete il 6.4.2005).

Logo Accessibilità
Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql

Il portale del Comune di Popoli (PE) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con il CMS ISWEB ®

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Popoli (Pe) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it